Tour d'Ortles 2017 - Pagina 7 - Bici da corsa | BDC-forum.it
MAG | FORUM | MERCATINO | TRAINING CAMP | FOTO | ALLENAMENTO | MTB | SCATTO FISSO


Torna indietro   Bici da corsa | BDC-forum.it > Gare > Randonnées ed Ultracycling

Randonnées ed Ultracycling Per gli amanti delle grandi distanze

Rispondi
 
Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 02-07-2017, 23:44:31   #73
CORONA 34
Pedivella
 
Data registrazione: Jun 2011
Località: Vallecamonica (Bs)
Bici: specialized
Età: 33
Messaggi: 447
Mentioned: 5 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 186 Post(s)
CORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 Stellare
Citazione:
Originalmente inviato da ciclo_beibo Visualizza messaggio
Ti rispondo io, lo fanno al momento del ritiro numero. Ma forse lo saprai già
Grazie...

ho sentito il contatto che mi hai fornito e mi ha chiarito il tutto.

Rando fatta, per me come già detto è stato un battesimo, appena ho un attimo scriverò un riassunto della giornata...esperienza unica.

CORONA 34 non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 03-07-2017, 09:35:30   #74
ciclo_beibo
Apprendista Cronoman
 
Data registrazione: Apr 2009
Località: Lana - Trentino Alto Adige
Bici: di quelle che devi pedalare
Età: 42
Messaggi: 2,877
Mentioned: 34 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 1718 Post(s)
ciclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelico
Citazione:
Originalmente inviato da CORONA 34 Visualizza messaggio
Grazie...

ho sentito il contatto che mi hai fornito e mi ha chiarito il tutto.

Rando fatta, per me come già detto è stato un battesimo, appena ho un attimo scriverò un riassunto della giornata...esperienza unica.
bene

come detto sopra, io ho passato. lo posso fare quando voglio, vivendo a 8 km da Merano

devo trovare la testa e le condizioni meteo accettabili per me. di piu la prima

facci sapere.
__________________

Dove vai? - A portare a spasso il bambino che e' in me
ciclo_beibo non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 03-07-2017, 14:03:20   #75
tiago84
Novellino
 
Data registrazione: Apr 2014
Località: bologna
Bici: cannondale synapse carbon 5; specialized diverge comp carbon
Messaggi: 99
Mentioned: 1 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 38 Post(s)
tiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondante
ciao ragazzi, è stato il mio primo tour d'ortles, ho cercato di racchiudere un po' di sensazioni, se ne avete voglia...

https://maratoneerando.wordpress.com...ur-dortles-17/
__________________
tiago84 non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 03-07-2017, 20:18:53   #76
CORONA 34
Pedivella
 
Data registrazione: Jun 2011
Località: Vallecamonica (Bs)
Bici: specialized
Età: 33
Messaggi: 447
Mentioned: 5 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 186 Post(s)
CORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 StellareCORONA 34 Stellare
Ciao a tutti, eccomi qua più o meno a freddo, a mettere giù due righe su quella che è stata la mia rando...

Una settimana entra ed esci da siti meteo, credo di essere diventato ormai un esperto del campo, questa rando è stata l’obiettivo della stagione, si pedalerà ancora intendiamoci ma quest’anno era qua che volevo arrivare.
Lo sconforto dei giorni precedenti è stato tanto, il meteo dava poche speranze e su i due grandi passi era palese che l’inverno aveva dato un calcio pesante all’estate ma…..con i due amici e compagni di avventura si parte comunque per Merano, che ci ha visti arrivare attorno alle 21:00 di venerdì sera.
Capatina al centro tennis per il ritiro del necessario, preso possesso dell’appartamento affittato per l’occasione e via per un pizzino; ed ecco che la pioggia comincia a scendere.
Alle 23:00 sdraiato sul letto si sentiva la pioggia battere su un tetto in lamiera fuori dalla finestra…cosi come alle 24…01…02…03….(potete immaginare quanto abbia dormito).
La sveglia era comunque fissata alle 03:30 per la colazione, ci guardiamo, cosa facciamo, piove, chissà sui passi, è impossibile arrivare a 2.700 mt. in queste condizioni…..ma tantè che mentre facevamo questi ragionamenti si faceva comunque colazione; il radar meteo diceva che la perturbazione interessava Merano e che a breve probabilmente spioveva.
Morale alle 04:30 vagavamo Merano alla ricerca della direzione giusta per il centro tennis, schivando dei giovani che avevano avuto…loro si… una nottata più tribolata della nostra.
Ore 04:55 timbro allo start, poi caffè, foto e alle 05:05 lo start vero e proprio….si parte verso le montagne russe, verso un viaggio lungo 250 km che ai 21 km/ora ti permette di viverlo in ogni virgola.

La prima parte in ciclabile verso l’attacco allo Stelvio è fresca, umida ma più diventava giorno e più il cielo si rasserenava, il sole cominciava a toccare le cime delle montagne e scendeva inesorabile verso di noi….andiamo c@@@zo che magari la svanghiamo!!....
Si raggiunge Prato, uno degli amici saluta e accelera, per lui è il secondo tour e rincorre l’obbiettivo di abbassare il proprio tempo…restiamo in due, cominciamo a renderci conto che l’avventura è davvero cominciata, sguardo di intesa, pugno contro pugno e si “attacca” lo Stelvio…me lo sono goduto metro per metro, la gamba era ok, in completa gestione dello sforzo i tornanti sfilavano sotto di noi, si parlava, cielo limpido, traffico quasi nullo, marmotte che fischiavano la nostra presenza e neve fresca negli ultimi metri di dislivello, insomma fantastico!!!... .
Primo punto di controllo, è fresco si…ma il sole intiepidisce tutto, nello zaino mandato su con l’organizzazione, per precauzione misi di tutto ma decido di proseguire solo con sottocasco invernale, scalda collo e mantellina antipioggia, lascio nello zaino il resto, anche i gambali ed i copri scarpe invernali.
In men che non si dica siamo a Bormio, persiste il bel tempo e fa anche caldino, sosta rapida per svestirsi e si prosegue con smanicato slacciato e manicotti abbassati.
Si sale per il Gavia, si raggiunge S. Caterina e via verso la seconda ascesa, qua le cose però cominciano a cambiare, dalla cima scende aria fresca, il meteo in un attimo si guasta ed il cielo diventa presto grigio e minaccioso, stringiamo i denti….saliamo comunque sempre in gestione, passiamo il pezzo duro con le rocce sulla destra, c’è neve e dove l’asfalto non è battuto dal traffico pare ci sia una patina di ghiaccio.
Raggiungiamo il passo, ci guardiamo, pugno di intesa e ci fermiamo al controllo.
Il meteo non ci fa godere a pieno il momento, tira un vento gelido, ed i nuvoloni sono di tempesta, in accordo col socio ci vestiamo di quello che avevamo tolto a Bormio (avevo un secondo zaino sul passo ma non avevo nulla di utile dentro) rimpiango i gambali e ci buttiamo in una fredda discesa.
A Ponte di Legno un forte temporale stava salendo dalla valle, cominciamo subito la salita al Tonale, terzo controllo…breve sosta perché da dietro arrivava di tutto e volevamo evitare la discesa bagnata a Vermiglio.
Eccoci nell’ultima parte del giro, una parte lunga 100 km con l’ultima asperità della giornata, il passo Palade.
Lungo trasferimento fino a Mostizzolo, incredibile, avevamo i temporali dietro, davanti e a sinistra e noi eravamo ancora asciutti….era dal Gavia che avevamo programmato una sosta al bar per un te caldo e una bibita energetica e per scappare ai temporali dovevamo ancora fermarci.
Ecco che a Mostizzolo ci fermiamo, verso Fondo piove quindi prenderla per prenderla godiamoci sta sosta e poi quello che arriva arriverà.
Pronti via si “attacca” il Palade, unica salita che non conosco, vista solo la sera prima passando in macchina….lunga con dei tratti che mi fanno pensare male come quarta salita, non ci penso, le gambe ci sono ancora anche se stanche, intanto piove.
La pioggia però dura poco non da fastidio…il Palade scorre piano sotto di noi, il mio socio per un problema di stomaco dovuto probabilmente al freddo del Gavia, non è riuscito a bere e alimentarsi correttamente dal Tonale in poi, ed ecco che le magagne usciranno puntualmente sull’ultima fatica.
Mi accorgo che è un po’ in difficoltà, non lo abbandono, gli faccio coraggio e cerco di distrarlo…lui è un grande, reagisce, non molla ed arriviamo in cima…. .
E’ tutto alle nostre spalle, ci complimentiamo a vicenda, pugno contro pugno e quarto controllo….sappiamo che ormai è fatta, c’è aria di acqua anche verso Merano ma ormai non importa più niente; discesa si entra in città eccolo la l’arrivo, siamo inaspettatamente accolti da un applauso, sono felice, siamo felici è andata!!.
Concluso con 12h di pedalata e 13h 30’ dalla partenza ma sono solo numeri buoni per la statistica; sono le 18:30 ho solo voglia di andare in stanza a godermi una doccia e buttarmi sul letto….
Serata allietata da birra scura, rossa, canederli, stinco e arrosto di maiale, carne salata dolcetto…..
Chissà, magari un arrivederci al prossimo anno….è un brevetto ed un esperienza di vita che meritano di essere fatti, faccio i complimenti a tutti coloro che hanno partecipato.

Grazie all’athletic club Merano….
CORONA 34 non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 03-07-2017, 22:37:11   #77
ciclo_beibo
Apprendista Cronoman
 
Data registrazione: Apr 2009
Località: Lana - Trentino Alto Adige
Bici: di quelle che devi pedalare
Età: 42
Messaggi: 2,877
Mentioned: 34 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 1718 Post(s)
ciclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelico
@tiago84 e @CORONA 34 , bellissimi racconti. Ancora i complimenti per aver finito questa impresa.
__________________

Dove vai? - A portare a spasso il bambino che e' in me
ciclo_beibo non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 04-07-2017, 01:18:16   #78
tiago84
Novellino
 
Data registrazione: Apr 2014
Località: bologna
Bici: cannondale synapse carbon 5; specialized diverge comp carbon
Messaggi: 99
Mentioned: 1 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 38 Post(s)
tiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondante
Citazione:
Originalmente inviato da ciclo_beibo Visualizza messaggio
@tiago84 e @CORONA 34 , bellissimi racconti. Ancora i complimenti per aver finito questa impresa.
Grazie
__________________
tiago84 non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 04-07-2017, 10:10:48   #79
catman
Apprendista Velocista
 
Data registrazione: Jun 2011
Località: Veneto
Bici: trek
Età: 41
Messaggi: 1,680
Mentioned: 80 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 1306 Post(s)
catman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelicocatman Angelico
bei racconti


complimenti
__________________
www.strava.com/athletes/7417106
catman non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 04-07-2017, 10:38:05   #80
pedalone della bassa
Apprendista Cronoman
 
Data registrazione: Oct 2013
Località: modena, ma col cuore, ed originario, di Reggio Emilia
Bici: (advanced pro nox, argon 18 gallium), ora Cervèlo S3
Età: 36
Messaggi: 2,861
Mentioned: 124 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 2057 Post(s)
pedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subitopedalone della bassa Santo Subito
bravissimi!!!!!
super complimenti a tutti!!!!!!

ho letto tutta la discussione e ho fatto il tifo per voi, e per il prossimo anno quasi quasi.......

@panta41 e @Tapinaz han già detto che ci saranno!!!
pedalone della bassa non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 17-07-2017, 14:14:49   #81
ciclo_beibo
Apprendista Cronoman
 
Data registrazione: Apr 2009
Località: Lana - Trentino Alto Adige
Bici: di quelle che devi pedalare
Età: 42
Messaggi: 2,877
Mentioned: 34 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 1718 Post(s)
ciclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelicociclo_beibo Angelico
insomma l'ho fatto anche io, sabato 15 luglio in solitaria. 11:29. prendendo le mie pause e facendo un paio di foto.

ecco qui:

10 borracce da 650ml, 5 barrette, 4 gel, 5 smoothies, un panino con lo speck, 2 banane... e non bastava.
Partito alle 5:30. Alba fresca. La Val Venosta ha mostrato il suo meglio con un vento turbinoso che mi scompigliava i capelli anche sotto il casco. 2 tratti di sterrato e tanti strappetti che mi provocavano, ma non potevo buttare via calorie. Il Re mi aspettava, ed avevo fretta per arrivare a Prato.
Il Re si mostra subito arrabbiato, con pioggia e neve che lo copre. Ma io vado su, il tempo migliorerà. Mi fermo per acqua, sia da ricaricare nelle borracce, che da togliere alle olive e si riparte da Trafoi. Il torrente omonimo che scava la valle, fa compagnia, mentre vado su. Sono le 8, poche moto e macchine, qualche ciclista. Un primo cartello mi incita mostrando il 48, il numero dei tornanti che mancano. Le pendenze non sono alte, a volte spiana, ma meglio stare attenti. Al tornante 20 l'Ortles si mostra, con i ghiacci eterni, la roccia nera che si sgretola e cade giù, le cime severe che dominano e fanno paura. Gli ultimi tornanti sono accompagnati da neve e vento, poi si arriva..dopo 2 ore di pedalata. discesa gelida, imbacuccato come un eschimese, faccio uno slalom tra macchine, moto e ciclisti. "Fa freddo!" urlo ad uno che mi chiede "com'è lassù?". Cosa vuoi, sono quasi 3000m.

A Bormio, trovo il centro all'ora del caffè. Impossibile passare. Allora si va alla nota fontana, e si comincia subito il Gavia. Rampe lunghe e non dolci per le gambe che hanno già qualche km ed uno Stelvio. A S.Caterina comincia il party. Niente di che, qualche km al 10% sparso qua e là. Proprio quando sei vicino al passo, un kilometro secco a doppia cifra ti fa capire chi comanda qui, a 2000 e rotti. Poi spiana e scambio dire chiacchiere con un ciclista profumato e con freni a disco d'oro. Gli rivelo la mia pazzia: partito da Merano, scendo a ponte di legno per continuare su tutta la Val di Sole. Mi dice buona fortuna e forse intendeva condoglianze.

Discesa del Gavia nervosa. È una mulattiera scassata, mono corsia. Faccio un drittone su un tornante dopo aver schivato una ciclista che faceva zig-zag dietro una curva.

Poi il Tonale. Liscio se non fosse per le gambe ed i piedi che scoppiano. Sete, tanta acqua, e si mangia ogni mezz'ora.
Il Tonale, o Ponte Tonale, sembra un paese dei balocchi sbiadito, niente di che..

Poi si scende nella lunga interminabile e trafficata Val di sole. Marilleva 1400, Brez e Fondo arrivano dopo diversi strappi e salite che tagliano via le ultime energie.

Infine il Palade. Si va su bene, ma le moto e gli arroganti mi rovinano il momento. quando un cartello segna -7km al passo faccio il conto al rovescio, con il risultato che il tempo passa ancora più piano.

i piedi fanno ancora più male. Il culo, non ne parliamo. Poi giù dal Palade. Più forte che si può, fino a trovare un vecchietto in macchina che mi fa da tappo e mi toglie il piacere di una discesa trionfale.

A casa, un panino, acqua, succo di mela ed un abbraccio. una vocina di 6 anni mi chiede: Dove sei stato tutto questo tempo?
__________________

Dove vai? - A portare a spasso il bambino che e' in me

Ultima modifica di ciclo_beibo : 18-07-2017 alle ore 14:06:09
ciclo_beibo non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 17-07-2017, 14:23:21   #82
never give up!
foggy mod.
 
Data registrazione: Jan 2010
Località: Piacenza
Bici: krypton xroad - legend ht11.5
Età: 46
Messaggi: 14,944
Mentioned: 349 Post(s)
Tagged: 5 Thread(s)
Quoted: 9841 Post(s)
never give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forumnever give up! Orgoglio del Forum
Citazione:
Originalmente inviato da ciclo_beibo Visualizza messaggio
insomma l'ho fatto anche io, sabato 15 luglio in solitaria. 11:29. prendendo le mie pause e facendo un paio di foto.

ecco qui:

10 borracce da 650ml, 5 barrette, 4 gel, 5 smoothies, un panino con lo speck, 2 banane... e non bastava.
Partito alle 5:30. Alba fresca. La Val Venosta ha mostrato il suo meglio con un vento turbinoso che mi scompigliava i capelli anche sotto il casco. 2 tratti di sterrato e tanti strappetti che mi provocavano, ma non potevo buttare via calorie. Il Re mi aspettava, ed avevo fretta per arrivare a Prato.
Il Re si mostra subito arrabbiato, con pioggia e neve che lo copre. Ma io vado su, il tempo migliorerà. Mi fermo per acqua, sia da ricaricare nelle borracce, che da togliere alle olive e si riparte da Trafoi. Il torrente omonimo che scava la valle, fa compagnia, mentre vado su. Sono le 8, poche moto e macchine, qualche ciclista. Un primo cartello mi incita mostrando il 48, il numero dei tornanti che mancano. Le pendenze non sono alte, a volte spiana, ma meglio stare attenti. Al tornare 20 l'Ortles si mostra, con i ghiacci eterni, la roccia nera che si sgretola e cade giù, le cime severe che dominano e fanno paura. Gli ultimi tornati sono accompagnati da neve e vento, poi si arriva..dopo 2 ore di pedalata. discesa gelida, imbacuccato come un eschimese, faccio uno slalom tra macchine, moto e ciclisti. "Fa freddo!" urlo ad uno che mi chiede "com'è lassù?". Cosa vuoi, sono quasi 3000m.

A Bormio, trovo il centro all'ora del caffè. Impossibile passare. Allora si va alla nota fontana, e si comincia subito il Gavia. Rampe lunghe e non dolci per le gambe che hanno già qualche km ed uno Stelvio. A S.Caterina comincia il party. Niente di che, qualche km al 10% sparso qua e là. Proprio quando sei vicino al passo, un kilometro secco a doppia cifra ti fa capire chi comanda qui, a 2000 e rotti. Poi spiana e scambio dire chiacchiere con un ciclista profumato e con freni a disco d'oro. Gli rivelo la mia pazzia: partito da Merano, scendo a ponte di legno per continuare su tutta la Val di Sole. Mi dice buona fortuna e forse intendeva condoglianze.

Discesa del Gavia nervosa. È una mulattiera scassata, mono corsia. Faccio un drittone su un tornante dopo aver schivato una ciclista che faceva zig-zag dietro una curva.

Poi il Tonale. Liscio se non fosse per le gambe ed i piedi che scoppiano. Sete, tanta acqua, e si mangia ogni mezz'ora.
Il Tonale, o Ponte Tonale, sembra un paese dei balocchi sbiadito, niente di che..

Poi si scende nella lunga interminabile e trafficata Val di sole. Marilleva 1400, Brez e Fondo arrivano dopo diversi strappi e salite che tagliano via le ultime energie.

Infine il Palade. Si va su bene, ma le moto e gli arroganti mi rovinano il momento. quando un cartello segna -7km al passo faccio il conto al rovescio, con il risultato che il tempo passa ancora più piano.

i piedi fanno ancora più male. Il culo, non ne parliamo. Poi giù dal Palade. Più forte che si può, fino a trovare un vecchietto in macchina che mi fa da tappo e mi toglie il piacere di una discesa trionfale.

A casa, un panino, acqua, succo di mela ed un abbraccio. una vocina di 6 anni mi chiede: Dove sei stato tutto questo tempo?
__________________
-"Esistono situazioni che ci vengono imposte e possiamo solo accettare, altre invece dipendono dalle nostre decisioni e su queste possiamo costruire la vita".

-quello che cerchi è dentro di te...oppure nel frigo!
never give up! non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 17-07-2017, 15:28:22   #83
tiago84
Novellino
 
Data registrazione: Apr 2014
Località: bologna
Bici: cannondale synapse carbon 5; specialized diverge comp carbon
Messaggi: 99
Mentioned: 1 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 38 Post(s)
tiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondantetiago84 Ottimo e abbondante
Citazione:
Originalmente inviato da ciclo_beibo Visualizza messaggio
insomma l'ho fatto anche io, sabato 15 luglio in solitaria. 11:29. prendendo le mie pause e facendo un paio di foto.

ecco qui:

10 borracce da 650ml, 5 barrette, 4 gel, 5 smoothies, un panino con lo speck, 2 banane... e non bastava.
Partito alle 5:30. Alba fresca. La Val Venosta ha mostrato il suo meglio con un vento turbinoso che mi scompigliava i capelli anche sotto il casco. 2 tratti di sterrato e tanti strappetti che mi provocavano, ma non potevo buttare via calorie. Il Re mi aspettava, ed avevo fretta per arrivare a Prato.
Il Re si mostra subito arrabbiato, con pioggia e neve che lo copre. Ma io vado su, il tempo migliorerà. Mi fermo per acqua, sia da ricaricare nelle borracce, che da togliere alle olive e si riparte da Trafoi. Il torrente omonimo che scava la valle, fa compagnia, mentre vado su. Sono le 8, poche moto e macchine, qualche ciclista. Un primo cartello mi incita mostrando il 48, il numero dei tornanti che mancano. Le pendenze non sono alte, a volte spiana, ma meglio stare attenti. Al tornare 20 l'Ortles si mostra, con i ghiacci eterni, la roccia nera che si sgretola e cade giù, le cime severe che dominano e fanno paura. Gli ultimi tornati sono accompagnati da neve e vento, poi si arriva..dopo 2 ore di pedalata. discesa gelida, imbacuccato come un eschimese, faccio uno slalom tra macchine, moto e ciclisti. "Fa freddo!" urlo ad uno che mi chiede "com'è lassù?". Cosa vuoi, sono quasi 3000m.

A Bormio, trovo il centro all'ora del caffè. Impossibile passare. Allora si va alla nota fontana, e si comincia subito il Gavia. Rampe lunghe e non dolci per le gambe che hanno già qualche km ed uno Stelvio. A S.Caterina comincia il party. Niente di che, qualche km al 10% sparso qua e là. Proprio quando sei vicino al passo, un kilometro secco a doppia cifra ti fa capire chi comanda qui, a 2000 e rotti. Poi spiana e scambio dire chiacchiere con un ciclista profumato e con freni a disco d'oro. Gli rivelo la mia pazzia: partito da Merano, scendo a ponte di legno per continuare su tutta la Val di Sole. Mi dice buona fortuna e forse intendeva condoglianze.

Discesa del Gavia nervosa. È una mulattiera scassata, mono corsia. Faccio un drittone su un tornante dopo aver schivato una ciclista che faceva zig-zag dietro una curva.

Poi il Tonale. Liscio se non fosse per le gambe ed i piedi che scoppiano. Sete, tanta acqua, e si mangia ogni mezz'ora.
Il Tonale, o Ponte Tonale, sembra un paese dei balocchi sbiadito, niente di che..

Poi si scende nella lunga interminabile e trafficata Val di sole. Marilleva 1400, Brez e Fondo arrivano dopo diversi strappi e salite che tagliano via le ultime energie.

Infine il Palade. Si va su bene, ma le moto e gli arroganti mi rovinano il momento. quando un cartello segna -7km al passo faccio il conto al rovescio, con il risultato che il tempo passa ancora più piano.

i piedi fanno ancora più male. Il culo, non ne parliamo. Poi giù dal Palade. Più forte che si può, fino a trovare un vecchietto in macchina che mi fa da tappo e mi toglie il piacere di una discesa trionfale.

A casa, un panino, acqua, succo di mela ed un abbraccio. una vocina di 6 anni mi chiede: Dove sei stato tutto questo tempo?
complimenti, vedo che anche tu hai una vocina a casa che t'aspetta e questo credo che non possa che farti piacere, per me è così, è la stessa voce che sento quando penso di non farcela, tutta forza in più
__________________
tiago84 non è connesso  
Rispondi citando
Vecchio 17-07-2017, 18:57:38   #84
leonisa
Apprendista Scalatore
 
Data registrazione: Feb 2013
Località: altoatesino
Bici: Opera Leonardo
Età: 45
Messaggi: 2,409
Mentioned: 27 Post(s)
Tagged: 0 Thread(s)
Quoted: 1113 Post(s)
leonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendidoleonisa Splendido
Bel racconto Roberto, avrei accentuato di più la parte della val di sole, anche se in pratica è pianura, è lunga per arrivare fino a Fondo. Per non parlare del vento che soffia molto ma molto volentieri contro. Quello che mi ha emozionato tantissimo al mio giro, era che una volta arrivato al passo Palade, non avevo più bisogno di fare neanche un giro di pedali per arrivare a casa. Tu immagino sei andato fino a Merano per chiudere il cerchio.

Sent from my PLK-L01 using BDC-Forum mobile app

leonisa non è connesso  
Rispondi citando
Rispondi



Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole messaggi
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 14:14:26.


Powered by vBulletin®
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.
bdc-forum.it 2004-2016, tutti i diritti riservati.
Single Sign On provided by vBSSO